Palomma, T-shirt | Cantanapoli

22.00

Palomma | Dedicata a Massimo Troisi

Chi. Massimo Troisi

Quando. 19 Febbraio 2023 – 70° Compleanno

Cosa. Palomma di Armando Gill (Napoli, 23 luglio 1877 – 1º gennaio 1945). Gill, pseudonimo di Michele Testa, è riconosciuto come il primo cantautore italiano, ovvero il primo a firmare musica e testi e a cantare i suoi brani, che interpretava sia in napoletano che in italiano. Era solito annunciare i suoi brani così: «Versi di Armando, musica di Gill, cantati da sé medesimo». Tra i suoi componimenti, umoristici, possiamo ricordare anche la più famosa (forse) Attenti alle donne del 1927. Interpretata magnificamente da Peppe Barra nel suo album In Concerto e inserita nel scaletta di una delle puntate del programma televisivo Guarda… stupisci (2018) di Renzo Arbore, altro grande conoscitore della canzone napoletana. Interpretata per l’occasione da Enrico Montesano (qui). Qui la versione originale del 1926.

Perché. Palomma di Armando Gill (1926) è la canzone che Massimo non riesce a cantare (perché non la conosce!) nel film No grazie, il caffè mi rende nervoso di Lodovico Gasparini (1982). La scena è cult! Massimo Troisi – che interpreta se stesso – viene svegliato dalla voce artefatta elettronicamente del maniaco che sta minacciando di morte tutti i partecipanti del Primo Festival Nuova Napoli. Messo sotto interrogatorio, Massimo sostiene la versione del maniaco secondo cui «Napoli nun adda cagnà!» (Trad. Napoli non deve cambiare!), ma alla richiesta di cantare Palomma, Troisi crolla perché non la conosce. Per chi non conoscesse la scena, può vederla qui. Inutile dire che il film di Gasparini non è famoso e forse nemmeno bello quanto quelli diretti da Troisi, ma rimane un cult indiscusso per chi conosce Massimo nell’interezza della sua carriera artistica. E nemmeno Palomma – che non è la celebre Palomma ‘e notte di Salvatore Di Giacomo (1906) – è un pezzo tradizionale della canzone classica napoletana. Tuttavia una serie di connessioni tra Napoli e gli artisti legati al film rendono questo brano – a parer nostro – l’omaggio più ricercato e meno scontato per Massimo! Di cui, tra le altre cose, è risaputa l’avversione per i luoghi comuni. Qualche esempio. Il film è incentrato sulla lotta tra tradizione e rinnovo della cultura napoletana: si promuove il Primo Festival Nuova Napoli e un maniaco contrario all’iniziativa minaccia di morte tutti i partecipanti; il suo leitmotiv è Funiculì Funiculà (Giuseppe Turco, 1880). Il film è stato sceneggiato da Lello Arena su un soggetto dello stesso Massimo Troisi. Le musiche sono di James Senese che, come gli altri, è anche interprete. Altra scena cult quella dell’intervista di Arena (qui). Nella breve filmografia di Massimo, questo è l’unico film cinematografico dove interpreta se stesso.

Come. La grafica scelta per Palomma è nel mezzo tra vintage e contemporaneo, con un vago riferimento alla copertina degli spartiti pubblicati all’epoca da Edizioni de “La Canzonetta”. La silhouette della farfalla, che in napoletano è per l’appunto la palomma, si appoggia sul titolo come su uno dei fiori di cui parla il testo (cfr. il retro!).

***

Cantanapoli | Dai tanti componimenti della canzone classica napoletana, abbiamo estratto alcuni tra i più famosi brani e dedicati a personaggi illustri che con questi hanno o hanno avuto un legame speciale! La collezione celebra in sé la canzone di Napoli, ma omaggia al contempo chi l’ha amata.

Illustrazioni di Rosa Miriam Alaia

Svuota
Aggiungi alla lista dei desideri
COD: CANTA_TSHITR_2 Categorie: , Tag: , , , ,